CIR: ci sono anche Pollara, Rusce e Razzini

Il siciliano verrà supportato dall'ACI Team Italia nell'avventura con la Citroën di PRT-Movisport, mentre i due emiliani correranno con le rispettive Škoda nelle gare su asfalto.

CIR: ci sono anche Pollara, Rusce e Razzini

Al via del CIR 2021 ci saranno anche Marco Pollara, Antonio Rusce e Marcello Razzini, pronti ad essere fra i protagonisti della serie rallistica tricolore.

Cominciando da Pollara, il siciliano è fra i portacolori dell'ACI Team Italia e quest'anno avrà al suo fianco Daniele Mangiarotti sulla Citroën C3 R5 del Team PRT e supportato da Movisport.

“Sono felice di ricevere il supporto di ACI Team Italia e della Federazione anche per questa stagione – ha dichiarato Pollara – Lo scorso anno ho vissuto una stagione nel mondiale anomala, visto il continuo slittamento delle gare causa Coronavirus, ma nonostante tutto, sono riuscito ad arrivare sempre a punti".

"Per il 2021 abbiamo deciso di ritornare tra le strade del CIR e di farlo nella massima serie. Al mio fianco ci sarà Daniele, Mangiarotti, con il quale ho avuto l’opportunità di correre insieme lo scorso anno la Targa Florio; da subito abbiamo trovato un ottimo feeling a bordo. Monteremo le gomme Pirelli con le quali mi trovo benissimo su qualsiasi fondo stradale".

"Grazie alle mani esperte di Loris Malatesta, abbiamo elaborato una livrea molto accattivante, con colori a cui sono particolarmente legato e con cui ho già corso in passato. La vettura a cui mi affiderò in questa stagione, ha dimostrato in passato di essere un mezzo molto competitivo e con Daniele proveremo sin da subito a partire bene. Voglio ringraziare la Federazione, nella persona di Daniele Settimo, per questo importante supporto, in una stagione che si prospetta molto combattuta, visto il parterre di nomi che si sentono in questi giorni".

Il co-pilota Mangiarotti ha aggiunto: “Sono estremamente felice di intraprendere con Marco questo percorso. Credo che per lui sarà un anno importante, dove poter mettere in atto l’esperienza maturata nel WRC Junior, dove anche se con poche gare, ha dimostrato una continua crescita e questo è fondamentale per un pilota che vuole migliorare come lui".

"Il primo approccio con Marco è stato alla Targa Florio, dove ci siamo trovati subito a nostro agio in auto e fuori e questo sarà un grande punto di partenza per provare a costruire e rafforzare la nostra crescita, il tutto insieme al prezioso supporto di ACI Team Italia e di tutta la Federazione. Son sincero, non vedo l’ora di iniziare, opportunità come queste sono una vera carica, quindi vi do appuntamento al Ciocco”.

Parlando invece di Rusce, l'emiliano sarà la seconda "punta" dell’Erreffe Rally Team, che qualche giorno fa ha annunciato Giacomo Scattolon (in coppia con Giovanni Bernacchini).

Il 48enne condurrà una Škoda Fabia Rally2 Evo2 (quindi con gli ultimissimi aggiornamenti) e alle note manterrà il fido Sauro Farnocchia, con cui prenderà parte in primis agli eventi asfaltati, senza però escludere altre partecipazioni.

“Siamo felici di poter schierare al via di un campionato di massimo livello due equipaggi - ha dichiarato il capo del team, Agostino Roda - Rusce è un pilota che ha già corso con noi lo scorso anno e siamo orgogliosi che sia tornato a scegliere la nostra vettura per affrontare il massimo campionato".

Tony Cibella, team manager dell’Erreffe Rally Team, gli ha fatto eco: "Per noi è una sfida accattivante che non vediamo l’ora di cominciare. Antonio è un gentleman con cui abbiamo instaurato un ottimo feeling e sono sicuro che potremo far bene”.

Infine anche Razzini sarà principalmente impegnato negli eventi asfaltati del CIR.

Il parmense potrà contare sul co-pilota Rudy Pollet e su una Škoda Fabia che già conosce bene, mentre a seguirlo sarà una squadra tutta nuova, il Lion Team.

“Quest'anno abbiamo deciso di alzare l'asticella in modo significativo ed è per questo motivo che abbiamo deciso di confrontarci nel CIR, la massima serie a livello nazionale per il mondo dei rally - ha affermato Razzini - Qui troveremo tutti i migliori asfaltisti d'Italia ed emergere non sarà certo una passeggiata. Noi ce la metteremo tutta".

"Alcune delle gare che andremo ad affrontare le conosciamo già in precedenza e questo ci potrà essere di aiuto in una lotta che si preannuncia molto interessante. Noi siamo pronti a dare il massimo. Correremo con un nuovo team, ma avremo il supporto di uno staff che conosciamo da parecchio tempo. Nel CIR la lotta sarà molto dura ed è per questo che abbiamo deciso di presentarci alla Ronde del Canavese, per allenarci in vista del primo round al Ciocco”.

 

condividi
commenti
CIR: Rudy Michelini al via con la Polo R5 della PA Racing

Articolo precedente

CIR: Rudy Michelini al via con la Polo R5 della PA Racing

Articolo successivo

CIR: clamoroso, il CONI rimette in ballo i titoli 2019!

CIR: clamoroso, il CONI rimette in ballo i titoli 2019!
Carica i commenti