Adriatico, PS12: Campedelli allunga, Rovanpera si capotta!

Il romagnolo porta a 7 secondi il vantaggio su Scandola che commette un errore a un bivio, facilitando il ritorno di Andreucci, ma è il 17enne finlandese che dopo aver capottato con la 208 ha chiuso la speciale prima del ritiro.

Adriatico, PS12: Campedelli allunga, Rovanpera si capotta!
Simone Campedelli, Pietro Elia Ometto, Ford Fiesta R5, Orange1 Racing
Umberto Scandola e Guido d'Amore, Skoda Fabia R5, Skoda Motor Sport Italia
Paolo Andreucci, Anna Andreussi, Peugeot 208 T16, Peugeot Sport Italia
Andrea Nucita, Marco Vozzo, Skoda Fabia S2000

Simone Campedelli inizia il secondo giro di gara 2 del Rally dell'Adriatico cercando di dare uno strappo alla classifica assoluta che il romagnolo conduce dall'avvio: nella PS12 Laghi 2 di 11,93 km (che è diventata incredibilmente la "lunga" dopo i tagli di percorso che le questioni burocratiche hanno accorciato il percorso) il pilota della BRC ha finito la prova veloce migliorando il proprio tempo di 11"4 rispetto allo scorso passaggio.

Con 7'26"7 Campedelli ha allungato nei confronti di Umberto Scandola che non è andato oltre il terzo posto con la Skoda Fabia a causa di un dritto sull'ultimo bicio e per ripartire ha dovuto fare manovra, perdendo un po' di tempo.

Simone che, invece, ha tirato ha portato il suo vantaggio a 7"0, mentre Paolo Andreucci con la Peugeot 208 T16 cerca di rientrare nella partita dopo un avvio in sordina: il toscano con 7'29"9 si porta ad appena 1"6 dal veneto anche se per il momento non è mai parso un grande protagonista.

Chi se l'è vista brutta è stato Kalle Rovanpera: il 17enne finlandese in una curva lenta ha perso il controllo della sua 208 T16 nel posteriore ed è andato fuori strada capottando. L'equipaggio, per fortuna, non ha riportato alcun danno e, anzi, è riuscito a ripartire e a chiudere la speciale pagando un ritardo di pco più di un minuto.

In realtà ha rotto il radiatore dell'acqua e Rovanpera è stato costretto al ritiro, per cui Kalle esce di classifica mentre era saldamente al quarto posto: il finlandese, molto competitivo sulla terra, prende forse troppi rischi e somma un errore dopo l'altro andando spesso vicino al limite, ma questo è il frutto della sua esuberanza giovanile.

Rally dell'Adriatico - La classifica assoluta di Gara 2 dopo PS12

Pos Equipaggio Vettura Tempo/distacco
1. Campedelli - Ometto Ford Fiesta R5 18'58"1
2. Scandola - D'Amore Skoda Fabia 19'05"1
3. Andreucci - Andreussi Peugeot 208 T16 19'06"7
4. Nucita - Vozzo Skoda Fabia S2000 19'21"7
5. Ricci - Biordi Ford Fiesta R5 19'22"4
6. Marchioro - Marchetti Peugeot 208 T16 19'25"1
7. Dalmazzini - Albertini Ford Fiesta R5 19'27"3
8. Ceccoli - Capolongo Ford Fiesta R5 19'28"6
9. Bresolin - Pollet Peugeot 208 T16 19'31"5
10. Hoebling - Grassi Skoda Fabia 19'35"3
condividi
commenti
Adriatico, 208 Top – PS 10: De Tommaso dà la sveglia.
Articolo precedente

Adriatico, 208 Top – PS 10: De Tommaso dà la sveglia.

Articolo successivo

Adriatico, PS13: Scandola risponde subito a Campedelli

Adriatico, PS13: Scandola risponde subito a Campedelli
Carica i commenti