Trofeo Peugeot Competition 208 Top
Topic

Trofeo Peugeot Competition 208 Top

Adriatico, 208 Top – PS 10: De Tommaso dà la sveglia.

Grande inizio di seconda tappa del varesino che ha dominato la veloce prova di questa mattina tra i trofeisti under 25 di Peugeot. Pronta la risposta di Ciuffi su PS 11. Si accende la sfida per il terzo posto.

Adriatico, 208 Top – PS 10: De Tommaso dà la sveglia.

La notte ha portato consiglio a Damiano De Tommaso che è tornato ad imporre il suo ritmo agli avversari dopo aver subito il tentativo di rimonta di Ciuffi sul finire della prima tappa. Il ventunenne varesino ha infatti inflitto i primi distacchi importanti sulla PS “Laghi 1” di questa mattina, un percorso estremamente veloce proprio come quelli del mondiale rally in cui Damiano è stato impegnato nelle ultime due stagioni. “Ieri pomeriggio abbiamo fatto delle modifiche al setup che non ci hanno portato nella direzione giusta – ci ha confidato De Tommaso al parco assistenza di stamattina. Stamattina dobbiamo attaccare da subito”. E così ha fatto il varesino anche se per la vittoria rimane tutto ancora aperto. Tommaso Ciuffi ha subito risposto al lombardo sui 4 chilometri di "Panicali": ora i due sono separati da 6”, un distacco ancora colmabile dal toscano.

 

Parco assistenza di Damiano De Tommaso e Tommaso Ciuffi
Parco assistenza di Damiano De Tommaso e Tommaso Ciuffi

Photo by: Gabriele Cogni

Dietro il duo di testa si è accesa la sfida per il terzo posto. Dopo aver fatto segnare ottimi tempi nonostante la scarsa esperienza sulle stade bianche, Mattia Vita si è purtroppo ritirato sulla PS 11. Così, sarà la sfida tra Andrea Mazzocchi e Nicola Manfredi a stabilire chi salirà sul terzo gradino del podio.

 

Andrea Mazzocchi e Daniele Mangiarotti
Andrea Mazzocchi e Daniele Mangiarotti

Photo by: Gabriele Cogni

Ottimi anche i tempi fatti segnare da Luca Bottarelli: il bresciano ha deciso di continuare la gara nonostante sia andato fuori tempo massimo nella giornata di ieri per accumulare ulteriore esperienza su sterrato. "Ieri pomeriggio stavo spingendo al massimo e sull'ultima curva della PS 6 ho perso il poseriore della vettura ed ho picchiato contro un muretto - ha spiegato Bottarelli. Siamo riusciti a raggiungere l'assistenza nonostante i danni al radiatore ma poi, una volta ripartiti per l'ultimo giro di prova siamo stati ulteriormente rallentati dalla rottura di un manicotto. Siamo usciti fuori tempo massimo ma abbiamo comunque deciso di ripartire nella seconda tappa per accumulare esperienza su questi fondi".

condividi
commenti
Adriatico, PS11: Scandola non teme la polvere e si scatena
Articolo precedente

Adriatico, PS11: Scandola non teme la polvere e si scatena

Articolo successivo

Adriatico, PS12: Campedelli allunga, Rovanpera si capotta!

Adriatico, PS12: Campedelli allunga, Rovanpera si capotta!
Carica i commenti