Faccioni ricorre al Collegio di Garanzia dello Sport

Faccioni ricorre al Collegio di Garanzia dello Sport

Il pilota forlivese si è appellato al CONI contro la squalifica di Monza che ha consegnato il titolo ad Uboldi

Dopo la sentenza del TNA, che a dicembre ha rigettato l'appello presentato da Jacopo Faccioni contro la decisione con la quale il Collegio Sportivo di Monza lo escludeva dalla classifica di gara 2 del Campionato Italiano Prototipi per irregolarità tecniche emerse dopo reclamo di Davide Uboldi, si profila ora un nuovo grado di giudizio.

Il pilota forlivese ha infatti presentato ricorso al Collegio di Garanzia dello Sport, l'organo recentemente istituito presso il CONI e che è possibile adire "avverso tutte le decisioni non altrimenti impugnabili nell'ambito dell'ordinamento federale ed emesse dai relativi organi di giustizia".

Qualora il ricorso dovesse essere considerato ammissibile il Collegio potrebbe decidere sulla controversia o accoglierlo rinviando all'organo di giustizia federale, enunciando specificamente il principio al quale il giudice di rinvio deve uniformarsi ed eventualmente indicando al Procuratore generale dello sport nuovi elementi per ulteriori accertamenti utili al giudizio di rinvio.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati CIP
Piloti Jacopo Faccioni
Articolo di tipo Ultime notizie