GTWC, Valencia: Stolz/Engel vincono una Gara 1 ad eliminazione

Il duo della Toksport WRT è perfetto e con la Mercedes batte l'Audi di Roussel/Haase e la AMG di Marciello Boguslavskiy, dopo che Fontana manda a monte la gara di Wilkinson e la possibilità di titolo Silver, Classe vinta da Marschall/Aka. Pro-Am alla Ferrari-AF sulla Lamborghini-Barwell.

GTWC, Valencia: Stolz/Engel vincono una Gara 1 ad eliminazione

Luca Stolz/Maro Engel conquistano il successo in Gara 1, grazie ad un'ottima strategia adottata dalla Toksport WRT.

Partiti dal secondo posto in griglia, i due della Mercedes-AMG #6 hanno beneficiato della sosta anticipata (giro 14) rispetto ai rivali Ben Barnicoat/Oliver Wilkinson, superando la McLaren 720S #38 della Jota quando questa è rientrata al giro 18.

Se per Engel/Stolz è stata un'ottima prova, lo stesso non si può dire dei loro avversari diretti, che per il secondo fine settimana di fila incappano in un incidente dei quali sono incolpevoli.

Il povero Wilkinson stavolta è stato tamponato da Alex Fontana, in quel momento salito al terzo posto assoluto e leader della Silver Cup, che avrebbe potuto vincere. Lo svizzero, invece, ha provato l'attacco al britannico centrandolo sul posteriore e mandando entrambi in testacoda.

In quel momento mancavano pochissimi minuti al termine e a Fontana, che condivideva il volante della Lamborghini Huracán #14 di Emil Frey Racing con l'ottimo Ricardo Feller - autore di un bello stint in apertura - è stato comminato il Drive Through che lo fa piombare 18° assoluto e 6° di categoria.

Ringraziano del marasma Leo Roussel/Christopher Haase, autori di una grande risalita con l'Audi R8 LMS #25 della Saintéloc Racing fino alla piazza d'onore, scavalcando pure Timur Boguslavskiy/Raffaele Marciello, terzi con la Mercedes-AMG #88 della AKKA ASP, nel momento in cui 'Lello' ha dovuto frenare per evitare di centrare Wilkinson giratosi davanti a lui.

Il successo della Silver Cup se lo portano a casa Dennis Marschall/Alex Aka al volante dell'Audi #99 di Attempto Racing, terminando in Top5 generale davanti alla Mercedes #89 di Petru Razvan Umbrarescu/Jules Gounon (AKKA ASP).

Davanti a loro c'erano in realtà l'Audi #30 di Benjamin Goethe/Robin Frijns, ma l'olandese del Team WRT è stato penalizzato di 30" per aver spedito in testacoda all'ultimo giro Markus Winkelhock, negando all'Audi #26 della Saintéloc Racing (su cui c'era anche Aurélien Panis) un buon piazzamento in zona punti, relegandoli al 13° posto.

Salgono al settimo posto generale Norbert Siedler/Albert Costa sulla seconda Lamborghini #163 di Emil Frey Racing, con dietro la Bentley Continental #108 di Stéphane Richelmi/Nelson Panciatici (CMR) e l'Audi #66 del duo tricolore Kikko Galbiati/Mattia Drudi (Attempto Racing), anche loro bravissimi a rimontare dalle retrovie.

In Top10 assoluta abbiamo anche il resto del podio della Silver Cup: il secondo posto se lo portano a casa Konsta Lappalainen/Arthur Rougier (Emil Frey Racing) con la Lamborghini #114, davanti alla Mercedes #87 di Konstantin Tereschenko/Jim Pla (AKKA ASP).

Alle loro spalle troviamo le Porsche 911 GT3-R di Julien Apotheloz/Klaus Bachler (#222 Team Allied) ed Adrien De Leener/Christian Engelhart (#54 Dinamic Motorsport).

In Classe Pro-Am successo a denti strettissimi per Louis Machiels/Andrea Bertolini (AF Corse), la cui Ferrari 488 è stata tallonata per tutte le fasi finali dalla Lamborghini #77 di Miguel Ramos/Henrique Chaves (Barwell Motorsport), intenti comunque a non esagerare sapendo che in ballo c'era ancora il titolo di categoria.

Terzi abbiamo invece Valentin Pierburg/Dominik Baumann alla guida della Mercedes #20 di SPS Automotive Performance, fra quelli che in avvio di gara sono stati coinvolti in una serie di contatti e collisioni che hanno portato ad una sosta per riparare i danni.

E proprio gli incidenti hanno rimescolato le carte fin dal via, con intervento della Safety Car per 5 tornate: dopo poche curve, sono finite K.O. le Mercedes #7 di Oscar Tunjo/Juuso Puhakka (Toksport WRT) e #90 di Ezequiel Perez Companc/Rik Breukers (Madpanda Motorsport), che hanno involontariamente coinvolto anche le Aston Martin Vantage della Garage 59 di Tuomas Tujula/Nicolai Kjaergaard (#159) ed Alexander West/Jonny Adam (#188).

Brutto errore infine per Charles Weerts, che in coppia con Dries Vanthoor poteva festeggiare meglio il titolo Sprint conseguito in anticipo. L'alfiere del Team WRT al giro 10 ha tentato un'ottimistica infilata alla Bentley #107 di Ulysse De Pauw (CMR) spedendola nella ghiaia e causando l'ingresso della Safety Car, oltre che la resa di entrambi polverizzando un possibile buon piazzamento in Top10.

GT WORLD CHALLENGE EUROPE / SPRINT CUP - Valencia: Gara 1

condividi
commenti
Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese
Articolo precedente

Il futuro GT di Valentino Rossi: cervello e pazienza, non pretese

Articolo successivo

GTWC, Valencia: bis di Stolz/Engel, doppio titolo Lamborghini

GTWC, Valencia: bis di Stolz/Engel, doppio titolo Lamborghini
Carica i commenti