Lamborghini: ecco l'ambiziosa Huracán GT3

Lamborghini: ecco l'ambiziosa Huracán GT3

Presentato a Sant'Agata Bolognese il programma nella Blancpain Endurance Series

La Lamborghini allarga i suoi orizzonti nel motorsport. Dopo aver consolidato il Blancpain Super Trofeo in Europa, Asia e Nord America, il monomarca che quest’anno farà debuttare la nuova Huracán LP 620-2 Super Trofeo, la Squadra Corse diretta da Giorgio Sanna entra nella Blancpain Endurance Series con due Huracán GT3 che saranno affidate al Grasser Racing Team. La Casa del Toro ha presentato il nuovo programma alla stampa mondiale presso la propria sede di Sant’Agata Bolognese.

Le Huracan GT3, che parteciperanno alla serie europea di Stéphane Ratel (cinque gli appuntamenti in calendario con la 24 Ore di Spa Francorchamps), serviranno a convincere i clienti nel mondo a imbastire un programma nei vari campionati Gran Turismo con una vettura che ha l’ambizione di diventare il punto di riferimento della categoria. È l’ultima arrivata e, quindi, la più evoluta, segnando, forse, l’inizio di una nuova generazione di GT3: l'obiettivo è di venderne 15 esemplari nel 2015. E ha già provato a Vallelunga in maniera molto proficua...

“Con la Huracán GT3 – spiega Stephan Winkelmann, Presidente e AD di Automobili Lamborghini – Squadra Corse compie un ulteriore passo avanti nello sviluppo e nella produzione di un prodotto destinato a questa categoria, che è tra le più prestigiose e sfidanti nel mondo delle competizioni internazionali. Lamborghini s’impegna direttamente e per la prima volta nel panorama delle competizioni sportive rivolte alle vetture GT, sviluppando questo nuovo modello interamente in casa. Siamo inoltre entusiasti di annunciare oggi l’importante partnership con Pertamina, l’azienda petrolifera indonesiana, che darà un supporto significativo alla crescita del nostro impegno sportivo”.

Nella platea del Centro Stile ha parlato anche Ahmad Bambang, direttore marketing di Pertamina, suggellando la partnership tecnica per tre anni con un budget consistente (si parla di 2 milioni di euro).

La Huracán GT3 nasce da una collaborazione con la Dallara Engineering: partendo dalla scocca della “cugina” Audi R8 è stato realizzato un telaio ibrido in alluminio-carbonio, che è equipaggiato di roll-bar a gabbia a norma FIA che si estende sino al retrotreno. Modifiche sono state apportare nella parte anteriore per ospitare un radiatore centrale a elevata efficienza per il raffreddamento del motore, mentre nel posteriore è stato rivisto per installare il cambio sequenziale e assicurare la presenza di un adeguato diffusore in grado di aumentare il carico aerodinamico nel retrotreno.

Il peso a vuoto della vettura è di 1.230 kg, distribuito al 42% sull’avantreno, ma quello definitivo sarà determinato dal Balance of Performance della FIA che verrà stabilito in seguito. La carrozzeria è in materiali compositi: l’aerodinamica è stata studiata nella galleria del vento Dallara: “Abbiamo lavorato a stretto contatto con gli stilisti di Lamborghini – ha detto Luca Pignacca, chief designer della factory di Varano – ma siamo partiti dalle scelte aerodinamiche per arrivare alle forme il più vicino possibili al modello di serie, mentre per la versione SuperTrofeo il processo è stato esattamente opposto”.

La vettura ha un aspetto molto aggressivo: la forma è stata studiata per cercare la massima efficienza aerodinamica (consentita dalle regole GT3) cercando, quindi, alte velocità massime, ma i tecnici hanno lavorato sodo analizzando il comportamento della vettura in imbardata e anche a bassa velocità per trovare grip e motricità in qualsiasi condizione e su ogni tipo di tracciato.

Particolare cura è stata posta all’evacuazione dell’aria calda dei radiatori e dei freni con un’accurata analisi dei flussi che attraversano la vettura per evitare i bloccaggi aerodinamici e le nocive turbolenze che possono sporcare l’andamento dei filetti: non a caso ai lati dei passaruota sono apparsi dei flap di chiara matrice DTM. Nel posteriore giganteggia un ampio alettone posteriore regolabile.

Nel progetto della Lamborghini Huracán GT3 c’è stata una particolare attenzione per la sicurezza: il sedile ha una scocca in carbonio e specifica 8862, impianto di estinzione OMP e dispone del sistema Roof Hatch che consente un rapido soccorso del pilota in caso di incidente grazie all’apertura di un pannello situato sul tetto.

Non mancano le cinture di sicurezza OMP, il serbatoio carburante con specifica FT3 e la nuova pedaliera regolabile. I gruppi ottici anteriore e posteriore prevedono LED luminosi di derivazione stradale. Il volante multi-funzione è stato personalizzato dalla OMP secondo le specifiche delle gare GT..

La Huracán GT3 adotta un motore V10 a iniezione diretta da 610 cv basato su quella della versione stradale ed è dotata di una centralina elettronica Bosch Motorsport che gestisce i dati, il controllo di trazione, il cambio e il display TFT sul cruscotto della vettura. Tutti i cablaggi sono specifici per il motorsport.

Il motore è collegato al telaio con elementi rigidi di fissaggio ed è accoppiato a un cambio sequenziale a sei marce e a una frizione a tre dischi. Le pinze dei freni anteriori sono a sei pompanti, mentre il disco è di 380x34 mm, mentre al posteriore l’impianto propone una pinza a quattro pompanti e un disco più piccolo di 355x32 mm con sistema ABS Bosch regolabile in dodici tarature diverse, gestibile sul volante, proprio come il Traction Control.

Le gomme sono Pirelli 315/680 all’anteriore e 325/705 al posteriore. La vettura è dotata di impianto di sollevamento pneumatico. La Huracán GT3 costa 369 mila euro tasse escluse.

Il Grasser Racing Team sulla vettura di punta schiererà Fabio Babini, Adrian Zaugg e Mirko Bortolotti, mentre sulla seconda vettura ci saranno tre giovani talenti dello Young Drivers Program: Giovanni Venturini, l’olandese Jeroen Mul e l’americano Andrew Palmer.

Faranno parte del programma di test anche Edoardo Piscopo e Milos Pavlovic, i campioni della serie Europa 2014 e della World Final per la categoria PRO che saranno i due nuovi tester ufficiali di Lamborghini Squadra Corse con il compito di proseguire lo sviluppo della Huracán GT3 sulle piste di tutto il mondo. La Dallara sta approntando il modello matematico della vettura GT3 per il simulatore a “ragno” per cui in una seconda fase anche i clienti piloti avranno l’opportunità di prendere confidenza con la vetture e le eventuali piste non conosciute con la realtà virtuale…

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati BES
Piloti Fabio Babini , Adrian Zaugg , Mirko Bortolotti
Articolo di tipo Ultime notizie