I segreti della BMW Z4 modificata per Alex Zanardi

I segreti della BMW Z4 modificata per Alex Zanardi

Ecco le caratteristiche principali della vettura con cui il bolognese correrà alla 24 Ore di Spa con Spengler e Glock

Le modifiche apportate alla BMW Z4 GT3 con la quale Alex Zanardi, Bruno Spengler e Timo Glock affronteranno la 24 Ore di Spa-Francorchamps hanno interessato la frizione, il pedale del freno, anzi i pedali del freno visto che Zanardi ne usa uno particolare, il volante con i relativi comandi, la posizione del sedile, il climatizzatore e il “software” del motore aspirato V8 da 4.4 litri. Lo chassis della BMW Z4 GT3 modificata è lo stesso dell’anno scorso, completamente revisionato e aggiornato con componenti e pezzi di nuova progettazione.

Ecco come, in cinque mesi, i tecnici della BMW Motorsport e della ROAL Motorsport hanno realizzato soluzioni tali da permettere a due piloti normodati, quali appunto Spengler e Glock, e a Zanardi, che è privo degli arti inferiori, di alternarsi al volante della stessa vettura da competizione in gare di durata.

PEDALIERA
Zanardi frena con la protesi destra e ha quindi necessità di uno speciale pedale. La pedaliera è stata perciò divisa in due “box”: a sinistra si trovano i pedali dell’acceleratore e del freno usati da Spengler e Glock; a destra lo speciale pedale del freno a forma di lungo perno sul quale Zanardi “fissa” la base della protesi. La protesi stessa è stata modificata con uno speciale adattatore per la parte inferiore al di sotto del ginocchio. Il piede è progettato per adattarsi al perno del pedale ed è regolabile. I due pedali del freno per Spengler-Glock e Zanardi sono collegati: quando si agisce su uno va giù anche l’altro, simultaneamente.

FRIZIONE
È stato eliminato il pedale della frizione: adesso anche Spengler e Glock utilizzano il sistema “clutch-by-wire” usato da Zanardi, con due comandi montati sul volante e sul cruscotto. Spengler e Glock si sono adatti subito alla nuova frizione manuale.

VOLANTE
Quando sulla BMW Z4 GT3 sale Zanardi, va sostituito il volante. Spengler e Glock utilizzano lo sterzo standard. Per Alex è stato invece realizzato un volante completamente nuovo, realizzato sull’esperienza acquisita da ROAL Motorsport l’anno scorso. Sulla parte posteriore è collocato l’anello che funge da acceleratore: il dispositivo è stato ottimizzato per un migliore controllo nelle curve. È stato inoltre “squadrato” nella parte inferiore per concedere maggiore spazio alle ginocchia di Zanardi.

SEDILE
L’anno scorso i tecnici di ROAL Motorsport si sono dato parecchio da fare con la posizione del sedile di Zanardi trovando, sul finale di stagione, una soluzione che funziona perfettamente. Tale soluzione è la base per l’inserto in carbonio che Alex fissa nel sedile standard quando dà il cambio ai suoi compagni, i quali dispongono anch’essi del proprio inserto sagomato sulle specifiche esigenze di ciascuno. L’inserto per Zanardi è foderato e dispone di un supporto lombare, che gli permette di “pompare” con la protesi destra sul perno del freno. Rispetto all’anno scorso, lo schienale è completamente diritto e la sede è stata arretrata: ciò permette anche uno spazio maggiore durante il cambio pilota.

CONDIZIONATORE
A causa della mancanza degli arti inferiori, Alex Zanardi suda tantissimo; e l’anno scorso, in qualche gara, ciò gli ha creato un po’ di problemi, in parte alleviati usando un sistema a ghiaccio secco. È stato perciò scelto di installare nell’abitacolo lo stesso condizionatore d’aria della BMW Z4 GTE schierata nelle gare americane della serie United Sports Car Championship.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati BES
Piloti Alex Zanardi , Bruno Spengler , Timo Glock
Articolo di tipo Ultime notizie