Subaru WRX STi MY17, più potente, ma non per noi

Aggiornata nella connettività e negli interni, ha anche una versione più potente: la S4 tS, riservata però al mercato giapponese

Subaru WRX STi MY17, più potente, ma non per noi
Subaru WRX STi MY2017
Subaru WRX STi MY2017
Subaru WRX STi MY2017
Subaru WRX STi MY2017
Subaru WRX STi MY2017
Subaru WRX STi MY2017

Sono anni ormai che Subaru non è più impegnata nel WRC, ma lei, l’Impreza (che in realtà ora si chiama WRX STi, ma sempre dalla Impreza deriva) continua a essere un’icona dei rally. Il merito è del leggendario Colin McRae, certo, ma un po’ anche suo, che negli anni Novanta ha fatto sentire piloti generazioni di guidatori in giro per il mondo. Bene, per la WRX STi è tempo di aggiornamenti. Purtroppo, il meglio, i giapponesi se lo sono tenuti per loro, almeno per il momento: la speranza è l’ultima a morire… Il meglio, di preciso è la nuova versione S4 tS. Una sigla che sembra un codice fiscale e che indica l’aumento di potenza da 300 a 330 CV, il sistema di sicurezza EyeSight (che comprende, tra gli altri, la telecamera anti-tamponamento), ma soprattutto freni maggiorati Brembo, cerchi BBS forgiati da 19 pollici, oltre ad altri dettagli estetici. 

Per quello che riguarda il nostro mercato, invece, le modifiche sono meno “sostanziali” (almeno per il target a cui si rivolge un’auto come questa): cambia principalmente l’infotainment, ora più connesso. In particolare, saranno felici i proprietari di iPhone, visto che è stata implementata la funzione Siri Eyes Free, che permette di effettuare telefonate, navigare su Internet e postare sui social network, semplicemente dettando i comandi a voce. E’ stata inoltre modificata la console centrale - ora dotata di schermo da 7” -, è stato aggiornato il navigatore satellitare e con l’S-Package sono ora disponibili SRVD (Subaru Rear Vehicle Detection) e HBA (High BeamAssist). Migliorano alla vista e al tatto, almeno secondo Subaru, i rivestimenti dell’abitacolo. 

condividi
commenti

Audi R8 V10 Spyder, “rubata” alle corse

Ducati Progetto 1408: la più potente sportiva bicilindrica di sempre