Rivoluzione Ferrari: Vigna taglia tre top manager nel prodotto!

L'amministratore delegato potentino è arrivato a Maranello solo a settembre, ma non ha impiegato molto tempo a dare il proprio impulso alla Ferrari: escono Nicola Boari, Michael Leiters e Vincenzo Regazzoni per far posto dal mese di gennaio al nuovo staff dirigenziale che dovrà ridisegnare le strategie del Cavallino.

Rivoluzione Ferrari: Vigna taglia tre top manager nel prodotto!

La Ferrari cambia volto e dà inizio a una vera rivoluzione che riguarda l’area del prodotto. Benedetto Vigna, amministratore delegato del Cavallino non ha perso tempo: il manager potentino ha deciso un nuovo assetto organizzativo, coerente con i suoi obiettivi strategici di esclusività, eccellenza e sostenibilità.

Il risultato? Tre manager top di Maranello termineranno la loro collaborazione con la Ferrari per perseguire nuove opportunità. Tre figure importanti che hanno contrassegnato la storia recente del marchio sono in uscita: lasciano a fine anno Nicola Boari, Chief Brand Diversification Officer, Michael Leiters, Chief Technology Officer, e Vincenzo Regazzoni, Chief Manufacturing Officer.

Insomma il responsabile del business non automotive, il direttore tecnico (che è stato al tavolo delle regole dei motori 2026 con il presidente John Elkann) e il capo della fabbrica (che produce anche le rosse della Scuderia) sono stati chiamati a lasciare i loro incarichi, per lasciare il posto al nuovo gruppo dirigente scelto da John Elkann e Benedetto Vigna sulla base di quella che dovrà essere la Ferrari dei prossimi dieci anni.

Vigna considera chiuso un ciclo importante di Maranello e vuole condurre la transizione ecologica con un team che sappia interpretare le sfide del futuro…

 “Il mio sentito ringraziamento va a Michael, Nicola e Vincenzo per il grande contributo che nel corso degli anni hanno dato alla leadership e alla crescita della Ferrari” – ha dichiarato il CEO Benedetto Vigna – grazie anche al loro impegno siamo pronti a cogliere le molte, nuove opportunità di fronte a noi mentre costruiamo la prossima era della nostra straordinaria Società”.

La nuova struttura favorirà ulteriormente l’innovazione, ottimizzerà i processi e accrescerà la collaborazione sia interna che con i partner. Sarà basata sulla promozione di talenti interni e sull’inserimento selezionato di nuove competenze, che sono state tutte identificate e che entreranno in Società a partire da gennaio 2022.

condividi
commenti
Ad Eicma 2021 sbarca Hitachi Astemo: ecco il futuro delle moto
Articolo precedente

Ad Eicma 2021 sbarca Hitachi Astemo: ecco il futuro delle moto

Articolo successivo

Video | Ghini: "L'utopia elettrica non convince i giovani"

Video | Ghini: "L'utopia elettrica non convince i giovani"
Carica i commenti