Ferrari: presentata la BR20, l'ultima One-Off

La Casa del Cavallino ha mostrato un altro modello unico che i designer diretti da Flavio Manzoni hanno realizzato soddisfacendo i requisiti di un singolo cliente. La BR20 è un coupé V12 a due posti sviluppato a partire dalla GTC4Lusso che reinterpreta in maniera moderna alcuni stilemi della tradizione Ferrari.

Ferrari: presentata la BR20, l'ultima One-Off

Ecco la Ferrari BR20, ultima nata della serie One-Off del Cavallino Rampante. Si tratta di una vettura che fa parte dei modelli unici che vengono forgiati attorno alle richieste di un singolo cliente e disegnati a partire dai suoi requisiti.

La BR20 è un coupé V12 a due posti sviluppato a partire dalla GTC4Lusso, che per filosofia e approccio stilistico rimanda alle magnifiche coupé Ferrari degli anni ’50/’60 senza però cedere alla nostalgia, anzi riuscendo nell’impresa di coniugare eleganza senza tempo e una certa sportività.

Rispetto alla GTC4Lusso sono satte rimosse le due sedute posteriori per ottenere una linea più dinamica dall’accentuato effetto fastback. La BR20 è circa sette centimetri più lunga della vettura da cui deriva grazie a uno sbalzo posteriore che crea una silhouette in grado di enfatizzare al massimo le proporzioni della vettura.

Ciò che colpisce della BR20 è stata la variazione radicale del volume dell’abitacolo, grazie alla quale i designer diretti da Flavio Manzoni hanno lavorato su proporzioni innovative volte a creare un tema di design degli esterni di grande forza e coerenza stilistica.

L’abitacolo crea un effetto simile a quello di una coppia di archi che lo percorre in senso longitudinale. Il volume posteriore degli stessi è stato scavato per creare un canale aerodinamico il cui sfogo viene celato dalla fascia posteriore nera sottostante lo spoiler. Questa reinterpretazione moderna del tema dei flying buttress caro a Ferrari lega a doppio filo la vettura agli stilemi caratteristici del Cavallino Rampante, propri sia della tradizione GT sia di quella delle vetture sportive del Marchio, come per esempio la 599 GTB Fiorano.

Per alleggerire visivamente l’abitacolo la colorazione nera del tetto collega il parabrezza al lunotto, sollevato rispetto alla superficie del portellone posteriore come ad accompagnare il flusso dell’aria.

Il paraurti posteriore muscolare ben si integra in un’auto dal look aggressivo come questa; i doppi fanali posteriori dialogano visivamente con i terminali di scarico, ribassati e incastonati in un prominente diffusore aerodinamico dotato di flap attivi al sottoscocca. Anche i doppi scarichi tondi sono stati disegnati specificamente per la BR20.

I dettagli in fibra di carbonio che punteggiano la vettura sottolineano le qualità dinamiche e il livello prestazionale che questa 4x4 è in grado di offrire. I copribrancardi alti e sinuosi rendono più dinamica la sezione inferiore della fiancata ed enfatizzano gli sfoghi d’aria anteriori sul passaruota.

L’ampia griglia anteriore è impreziosita da un elemento superiore in fibra di carbonio che crea una continuità stilistica con altre recenti One-Off Ferrari, mentre un inusuale doppio inserto cromato laterale sottolinea ulteriormente la dinamicità dell’anteriore.

L’identità della BR20 viene ulteriormente enfatizzata dalle stecche orizzontali della calandra che la caratterizzano notevolmente con il loro forte effetto di tridimensionalità. Innumerevoli sono gli elementi creati appositamente per questa vettura, tra cui i fanali anteriori ribassati e con luci diurne più sottili rispetto a quelli della GTC4Lusso che fanno sembrare il cofano anteriore ancor più lungo.

Anche i cerchi da 20” con finiture diamantate tono su tono sono stati disegnati esclusivamente per questo modello unico.

Non sono da meno gli interni, che presentano una combinazione accuratamente studiata in accordo con il cliente di pelle in due tonalità di marrone e fibra di carbonio. I sedili rivestiti in pelle Heritage Testa di Moro presentano un motivo esclusivo sull’anteriore sulla parte di specchiature frontali e cuciture argentate a croce ricamate sulle spalle.

L’abitacolo è composto da un unico volume dal parabrezza al vano di carico posteriore, per fornire agli occupanti una sensazione di leggerezza e ariosità unica nel suo genere. I rivestimenti in rovere con inserti in fibra di carbonio adornano la panchetta posteriore, le maniglie interne e il pianale reclinabile in grado di nascondere un’area di carico molto profonda.

condividi
commenti
La BMW X6 M in versione Manhart è un trionfo di fibra di carbonio
Articolo precedente

La BMW X6 M in versione Manhart è un trionfo di fibra di carbonio

Articolo successivo

Nuova Toyota GR86: in pista a Castellolì

Nuova Toyota GR86: in pista a Castellolì
Carica i commenti