WTCR
11 set
Evento concluso
G
Slovakia Ring
09 ott
Prossimo evento tra
16 giorni
WSBK
18 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
02 ott
Prossimo evento tra
9 giorni
WRC
15 ott
Canceled
WEC
12 nov
Prossimo evento tra
50 giorni
W Series
G
04 set
Canceled
G
Austin
23 ott
Canceled
MotoGP Moto3
18 set
Evento concluso
G
Barcellona
27 set
Gara in
5 giorni
Moto2
18 set
Evento concluso
G
Barcelona
27 set
Gara in
5 giorni
IndyCar
G
Laguna Seca
18 set
Canceled
Formula E FIA F3
11 set
Evento concluso
G
Sochi
25 set
Canceled
FIA F2
11 set
Evento concluso
25 set
Canceled
Formula 1 ELMS
28 ago
Evento concluso
G
Monza
09 ott
Prossimo evento tra
16 giorni
DTM
G
Zolder
09 ott
Prossimo evento tra
16 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
25 set
Prossimo evento tra
2 giorni
GT World Challenge Europe Endurance

Marco Van Overbeeke porta nel presente l’Espace F1

condividi
commenti
Marco Van Overbeeke porta nel presente l’Espace F1
Di:

Il designer olandese ha immaginato una versione in chiave 2018 del prototipo Renault di ventiquattro anni fa, elaborando un concept che combina l’ultima generazione della monovolume francese con la livrea delle R.S. 18 di Nico Hulkenberg e Carlos Sainz Jr.

Alzi la mano chi ha ancora in mente le immagini di Alain Prost che sfreccia lungo il tracciato del Paul Ricard a bordo della Renault Espace F1, con il rombo del motore V10 che sovrasta ogni cosa.

Era l’anno 1994, quando il costruttore transalpino mise in pista il suo prototipo dall’animo racing, nato per festeggiare i primi 10 anni di vita dell’Espace e il momento d’oro che la Casa francese stava vivendo in Formula 1. Motorista ufficiale del Team Williams dal 1989, la Renault arrivava, infatti, dalla vittoria degli ultimi due Mondiali Costruttori e di quelli Piloti, conquistati da Mansell nel 1992 e da Prost nel 1993, ed era data per favorita per il Titolo di quell’anno, con Senna e la FW16.

Passata alla storia come la prima e unica monovolume da corsa con un propulsore derivato dalla Formula 1, la vettura era stata sviluppata sulla base di una Espace di seconda generazione, dotata di cambio semi automatico e un vistoso alettone posteriore. Quanto al motore, il V10 da 3.5 litri e 810 CV era alloggiato, in posizione ribassata, tra i sedili posteriori e riusciva a lanciare l’Espace a più di 310 km/h, con uno scatto da 0 a 100 km/h in soli 2”8.

Conservato nel museo della Matra, il mitico esemplare ha fatto epoca, ma che aspetto potrebbe avere se la Casa francese decidesse di riproporlo oggi?

A rispondere alla domanda ci ha pensato il designer Marco Van Overbeeke, che ha immaginato una versione moderna dell’Espace F1. Nel rendering dell’olandese, le linee della monovolume attuale si fondono con l’inconfondibile livrea nera e gialla adottata dal Team Renault di Formula 1, che mette in evidenza le nuove soluzioni aerodinamiche e lo stile aggressivo del modello 2018.

Che ne dite, vi sembra un degno erede dell’Espace F1?

 
Mercedes-AMG Project One: test su pista per la F1 stradale

Articolo precedente

Mercedes-AMG Project One: test su pista per la F1 stradale

Articolo successivo

Ferrari Monza SP1 e SP2: un sogno che si realizza per 499 clienti scelti da Maranello

Ferrari Monza SP1 e SP2: un sogno che si realizza per 499 clienti scelti da Maranello
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Prodotto
Autore Daniela Piazza