BMW M550d xDrive, un diesel da brividi

Il suo 3.0 sprigiona 400 CV e 760 Nm di coppia grazie alle quattro turbine

BMW M550d xDrive, un diesel da brividi
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive
BMW M550d xDrive

Sarà anche un passo avanti in direzione della guida autonoma (anche se per ora si può parlare solo ed esclusivamente di sistemi di assistenza alla guida), la nuova Serie 5, ma in BMW non vogliono tradire la propria tradizione di “avanguardia motoristica”. Se i tre turbo della vecchia M550d potevano già sembrare tanti, pensate che la nuova generazione ne ha addirittura 4. Roba da Bugatti Chiron, per dirne una; roba che permette a questo 3 litri a sei cilindri in linea di toccare i 133 CV/litro. Per la verità non si tratta di una novità assoluta, dal momento che la 750d è spinta proprio da questo gioiello di hi-tech, dove meccanica ed elettronica vanno di pari passo e l’estremizzazione è spinta al limite in entrambi i settori. 

Numeri da supercar

A fare impressione sono anche i 760 Nm di coppia, che hanno “costretto” gli ingegneri di Monaco a ribassare l’assetto di un cm e, soprattutto, a ricorrere alla trazione integrale: affidata alle sole ruote posteriori, tanta brutalità avrebbe costretto il controllo di trazione agli straordinari e stressato troppo i pneumatici. Non solo: anche la sterzata è integrale, perché anche l’asse posteriore è dotato di ruote sterzanti, appunto. Alle velocità più basse girano in controfase rispetto a quelle davanti, per incrementare l’agilità, a quelle più alte girano nella stessa direzione per la massima stabilità. Spazio ai numeri adesso: lo 0-100 km/h è bruciato in 4,4 secondi (4,6 la Touring, cioè la station wagon), mentre la velocità massima è - ovviamente autolimitata - a 250 km/h. Il consumo medio? Secondo ciclo NEDC (quindi piuttosto ottimistico) è di 5,9 l/100 km per la 3 volumi e 6,2 l/100 km per la station wagon: si tratta in ogni caso di numeri molto interessanti, raggiunti anche grazie all’impianto di iniezione common rail, capace di lavorare ad una pressione di 2.500 bar. 

Un look inconfondibile

Esteticamente, la M550d si grazie al pacchetto aerodinamico M, all'impianto frenante potenziato (by M) con pinze dipinte di blu metallizzato, al doppio scarico M Performance con terminali cromati scuri e alla finitura grigia di specchietti, sfoghi d’aria laterali, griglia anteriore e dettagli dei paraurti. Tornando alla meccanica, il cambio è un automatico a 8 marce Steptronic con gestione anche manuale/sequenziale dei rapporti. Infine, anche i cerchi sono specifici e montano pneumatici 245/40 R19 davanti e 275/35 R19 dietro.

condividi
commenti
BMW M4 CS, se una M4 non vi basta
Articolo precedente

BMW M4 CS, se una M4 non vi basta

Articolo successivo

Nissan, più Nismo per tutti in futuro

Nissan, più Nismo per tutti in futuro
Carica i commenti