Mathias Lauda innamorato della NASCAR Whelen

Mathias Lauda innamorato della NASCAR Whelen

Il figlio d'arte sembra aver trovato la sua dimensione nella serie europea riservata alle stock car

L’ex pilota di GP2, DTM e GT1 Mathias Lauda, figlio del tre volte Campione del Mondo di Formula 1 Niki Lauda, è attualmente impegnato nella sua prima stagione nella NASCAR Whelen Euro Series, in cui guida la Chevrolet SS #66 DF1 Racing by B66 nella divisione ELITE 1.

Lauda ha fatto segnare due top-10 nel primo evento di Valencia, che gli hanno garantito la quarta piazza in campionato. Nel weekend inglese sul tecnico circuito Indy di Brands Hatch aveva iniziato con una settima piazza nella gara del sabato, ma una Sunday Race difficile, in cui è stato coinvolto in un incidente in restart, lo ha fatto scivolare al quinto posto.

Al Tours Speedway, al suo debutto su uno short track di 650 metri con banking, il 33enne di Salzburg ha riscritto la Storia, grazie a 3 sorpassi all’esterno negli ultimi giri, che gli hanno consentito di vincere la prima gara della NASCAR Whelen Euro Series su circuito ovale sotto la pioggia. Lauda ha lasciato il tracciato francese in terza posizione nella classifica di campionato, 21 punti dietro il leader Ander Vilarino.

Il pilota austriaco si sta divertendo molto in questa sua prima esperienza nel campionato europeo ufficiale NASCAR – che si sposterà in Germania per quattro gare al Nurburging il 19 e 20 luglio – e considerando la sua vasta ed eclettica esperienza di pilota, è una voce autorevole per parlare di un campionato, in cui ha riscoperto l'essenza e il piacere delle corse.

Il primo contatto con la NASCAR Whelen Euro Series?
"Ho avuto modo di conoscere per la prima volta la NASCAR Whelen Euro Series tre anni fa, mentre correvo nel mondiale FIA GT1, quando abbiamo disputato un evento in concomitanza. Sono diventato immediatamente un fan della Serie e sono molto contento di farne parte oggi".

Le gare NASCAR e i duelli sportello contro sportello?
"Sia la vettura che il campionato mi piacciono moltissimo. Non mi divertivo così tanto a guidare da molto tempo. Le gare sono entusiasmanti. Puoi davvero fare dei sorpassi con queste macchine e grazie al modo in cui si possono guidare. Nella mia carriera ho sempre guidato auto con le quali sorpassare era difficile, perché avvicinarsi a un’altra vettura ti fa perdere carico aerodinamico. Con queste macchine non si perde carico aerodinamico, siamo tutti vicini, il livello della competizione è molto alto ed è davvero il pilota a fare la differenza. Sono gare dure, ma molto divertenti!".

Avere un rapporto molto ravvicinato con i fan e condividere con loro la stessa passione...
"E’ fantastico avere i fans intorno a noi nel paddock e in alcuni eventi anche sulla griglia. E’ così che le corse dovrebbero essere. Bisogna mettere in pista delle belle gare e lasciare che la gente possa vederci da vicino. Per i fan sono la cosa più importante, perché senza di loro non potremmo correre, per cui il nostro obiettivo è dar loro uno show che li faccia tornare in pista ogni volta. La NASCAR Whelen Euro Series offre un ottimo intrattenimento sia per il appassionati di motori che per le famiglie. E’ un pacchetto fantastico e sono sicuro che continuerà a crescere".

Correre e vincere la prima gara su ovale della NWES sul bagnato...
"Questa vittoria è stata speciale e mi sono divertito molto durante la gara. Onestamente non mi aspettavo che fosse così bella. Pensavo che sorpassare su una pista così piccola sarebbe stato difficile, ma in entrambe le gare ho sorpassato diverse vetture e ho tratto vantaggio dalla traiettoria esterna nelle fasi finali. Vorrei fare altre gare su ovale!".

Portare la NASCAR Whelen Euro Series in Germania...
"Negli ultimi anni ho corso molto in Germania, soprattutto nel DTM, e ho anche gareggiato nella 24 ore del Nurburgring e so che i fans tedeschi sono molto appassionati di motorsport. Sono sicuro che quando conosceranno un po’ meglio la NASCAR Whelen Euro Series, se ne innamoreranno!".

Aspettative per il weekend in Germania?
"Questo campionato è molto competitivo e la classifica è molto corta, perciò conta ogni punto e ogni posizione. Ottenere buoni risultati al Nurburgring sarà fondamentale per il resto della stagione e non vedo l’ora che inizi questo splendido weekend. Arrivare al Nurburgring con una vittoria ci dà anche più fiducia, perché ora sappiamo che possiamo battere i migliori piloti della Serie e io ho sempre considerato la gara tedesca come la mia migliore occasione in tutto l’anno".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Altre Turismo
Articolo di tipo Ultime notizie