WSBK
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto3
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Moto2
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
33 giorni
FIA F2
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
Formula 1
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
12 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
88 giorni
ELMS
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
WTCR
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
13 dic
-
15 dic
Gara 1 in
19 Ore
:
44 Minuti
:
43 Secondi

Quattro record per Eisenberg nel segno di Mathison

condividi
commenti
Quattro record per Eisenberg nel segno di Mathison
Di:
24 set 2019, 17:05

Il rider del MADMAX Race Team ha stabilito i nuovi primati elettrici in sella alla moto preparata per il 27enne britannico, morto in un incidente nel TT 2019.

Durante lo Straightliners ACU/FIM World Speed Records di Elvington, Zef Eisenberg ha firmato quattro nuovi record di velocità per moto elettriche senza carena, che attendono solo di essere ufficializzati.

Oltre al chilometro lanciato FIM, con una velocità media sul chilometro di 185 mph (297,729 km/h), e una velocità di punta sul GPS di 197 miglia orarie (pari a 317,041 chilometri all'ora), nell'evento organizzato nel North Yorkshire, il rider britannico ha stabilito anche i primati del quarto di miglio lanciato FIM, il quarto di miglio da fermo FIM e il quarto di miglio lanciato ACU.

 

Nulla di troppo sorprendente se si pensa che il pilota del MADMAX Race Team detiene oltre 47 record britannici e mondiali di velocità. Ciò che più colpisce dell'ultima impresa portata a termine dal britannico, infatti, è soprattutto la storia del mezzo usato da Eisenberg per stabilire i nuovi record: la moto costruita e sviluppata per il team MADMAX dagli studenti dell'Università di Nottingham, sotto la guida del professor Miquel Gimeno-Fabra. La due ruote elettrica con cui Daley Mathison avrebbe rincorso il suo quarto podio nel TT Zero, se non fosse incappato nel tragico incidente nella gara SBK, che gli è costato la vita.

Leggi anche:

"Ho promesso a lui, e a sua moglie Natalie, che avrei portato la moto alla gloria mondiale. Si spera che adesso stia sorridendo dal paradiso", ha detto Eisenberg al reporter Charlie Le Marquand, dopo aver portato la naked più in là di chiunque altro.

Un gesto toccante, che il 46enne del Guernsey ha reso ancor più bello tributando a Mathison un piccolo omaggio: delle saponette blu con una margherita in onore di Daley, per portare "Daisy" con sé, nella conquista dei record.

Articolo successivo
Vinci due biglietti per due il Red Bull Alpenbrevet 2019!

Articolo precedente

Vinci due biglietti per due il Red Bull Alpenbrevet 2019!

Articolo successivo

Pirelli Cup: Lai e Vitali chiudono in bellezza a Misano

Pirelli Cup: Lai e Vitali chiudono in bellezza a Misano
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie ALTRE MOTO , Road racing
Piloti Daley Mathison
Autore Daniela Piazza