Michelin Power Cup: sfida decisiva al Mugello

Michelin Power Cup: sfida decisiva al Mugello

Toffanin e Nespoli (600), Bettini e Para (1000) si contendono il primato

Nonostante le sorprese e i colpi di scena della quarta prova di Imola, sarà necessario l'ultimo round del Mugello, in calendario in questo weekend, per conoscere i vincitori dell'edizione 2014 della Michelin Power Cup, il monogomma promosso dalla casa francese e organizzato per il sesto anno consecutivo dal promoter Daniele Alessandrini e dal suo staff.

A differenza di altre stagioni, si giunge alla gara conclusiva del trofeo con le classifiche abbastanza definite, almeno per il gradino più alto del podio, infatti sia nella classe 600 che nella 1000 solo la matematica lascia dubbi su chi saranno i vincitori assoluti, visto che in entrambe le cilindrate il pilota in testa alla classifica vanta un margine rassicurante sul più immediato inseguitore.

In dettaglio, nella cilindrata minore, il ventottenne veneto Alessio Toffanin (Yamaha) conduce la classifica assoluta con 300 punti, ben 62 in più di Antonio Nespoli (MV Agusta) e quindi al primo sara' sufficiente un piazzamento, anche nelle posizioni di rincalzo, per aggiudicarsi il titolo 2014. Diversa è invece la situazione per i restanti gradini del podio che, oltre a Nespoli, coinvolge anche il campione in carica Giovanni Altomonte (Yamaha), il quale ha compromesso la stagione in seguito alla squalifica di Imola, ma che avendo 215 punti può ancora aspirare a chiudere alle spalle del vincitore; della partita sono anche il lombardo Marco Martini (Yamaha) con 200 punti e il ligure Cristian Nespoli (Kawasaki) che ne ha 182 e che con i suoi ventisei anni è il pilota più giovane del gruppo dei migliori. Quindi se è praticamente chiuso, a meno di clamorosi colpi di scena, il discorso per la conquista del titolo, è molto incerta la questione per le restanti posizioni che contano della classifica generale e quindi la gara sui saliscendi toscani non mancherà sicuramente di riservare emozioni.

Situazione abbastanza simile anche nella top class, la 1000, in cui l'esperto bresciano Ermes Bettini (BMW), forte di una vittoria e tre terzi posti, è saldamente in testa con 275 punti e precede di ben 59 lunghezze il padovano Marco Para (Kawasaki) che in seguito all'incolore gara di Imola (in cui è stato anche vittima di un dritto), ha praticamente dato l'addio alle speranze di conquistare il titolo. Per lui ottime possibilità di confermare il secondo posto in classifica generale, visto che ha oltre 40 punti di vantaggio sull'immediato inseguitore Edoardo Finotti (BMW). E' invece serrata la battaglia per l'ultimo gradino del podio che oltre a Finotti, vede interessati l'altoatesino Peter Ennemoser (Ducati) e l'imolese Gianluca Fontanelli (Suzuki), tutti e tre racchiusi in una decina di punti. Questi tre piloti tra l'altro, sono stati grandi protagonisti della quarto round di Imola, infatti sul circuito Enzo e Dino Ferrari, la vittoria andò proprio a Fontanelli che precedette Ennemoser, con Finotti che chiuse quarto. Se questa stessa situazione si dovesse riproporre anche al Mugello, non mancherà certo lo spettacolo e tutti e tre avranno il coltello tra i denti per conquistare l'ultimo posto del podio della stagione 2014.

Come è noto la Michelin Power Cup fa parte del programma delle gare della Coppa Italia FMI e questo quinto e ultimo round si aprirà venerdì con le verifiche tecniche e le prove libere, proseguirà sabato con i doppi turni che definiranno gli schieramenti di partenza che si svolgeranno alle 12,30 e 17,00 quelli della 600 e alle 12,50 e 17,40 quelli della 1000. Le gare si disputeranno entrambe domenica in chiusura della manifestazione, per prima scenderà in pista alle 16,45 la classe 600 poi a seguire la classe 1000.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati ALTRE MOTO
Articolo di tipo Ultime notizie