Spa, 15a Ora: Ferrari-Iron Lynx allunga, rimonta Audi-WRT

La 488 #51 ha preso un buon vantaggio sulla R8 #32, che è salita in piazza d'onore tirandosi dietro la Aston #95. Due penalità per la Lamborghini #63, guai alla Mercedes #88, MadPanda ancora prima in Silver. Tris Ferrari in PRO-AM.

Spa, 15a Ora: Ferrari-Iron Lynx allunga, rimonta Audi-WRT

Notte piuttosto tranquilla alla 24h di Spa-Francorchamps, dove siamo giunti al termine della 15a Ora di 'fatiche' per i piloti di GT World Challenge Europe - Endurance Cup ed Intercontinental GT Challenge.

La Ferrari 488 #51 della Iron Lynx (Alessandro Pier Guidi/Côme Ledogar/Nicklas Nielsen) ha allungato sui rivali durante le ore di buio, nonostante sia stata costretta a scontare un Drive-Through per una infrazione commessa in fase di pit-stop.

La stessa punizione continua a colpire diversi concorrenti che non osservano i track-limits, ma soprattutto è stata comminata per due volte alla Lamborghini #63 dell'Orange 1 FFF Racing Team (Andrea Caldarelli/Marco Mapelli/Mirko Bortolotti), che era tornata al comando dopo 8h dal via, per poi scivolare indietro con le penalità per aver superato due volte la velocità limite in pit-lane.

Anche in casa BMW si leccano le ferite perché la M6 #35 della Walkenhorst Motorsport (Timo Glock/Martin Tomczyk/Thomas Neubauer) è dovuta rientrare ai box alla settima ora per un problema alla sospensione anteriore sinistra, con la 'sorellina' #34 (Sheldon Van Der Linde/David Pittard/Marco Wittmann) che invece è finita fuori pista a notte fonda, alzando mestamente bandiera bianca.

Con grande tenacia, il Team WRT ha rimontato fino alla seconda piazza assoluta e PRO con l'Audi R8 #32 di Dries Vanthoor/Kelvin Van Der Linde/Charles Weerts, ad una quarantina di secondi dalla Ferrari leader e con un buon vantaggio sulla Aston Martin Vantage #95 della Garage 59 (Nicki Thiim/Ross Gunn/Marco Sørensen).

In Top5, ma più distanti, ci sono anche l'Audi #66 della Attempto Racing condotta da Mattia Drudi/Dennis Marschall/Christopher Mies e la Porsche 911 GT3-R #47 di KCMG (Maxime Martin/Nick Tandy/Laurens Vanthoor).

Scelta diversa fra i vari team anche per quanto riguarda il pit-stop obbligatorio per sostituire alcune componenti, fra cui i freni e quant'altro; la classifica può ancora cambiare.

Intanto ciò ha dato modo all'Audi #25 di Saintéloc Racing (Markus Winkelhock/Patric Niederhauser/Christopher Haase) di salire sesta, davanti alla McLaren 720 S #38 della Jota (Rob Bell/Oliver Wilkinson/Ben Barnicoat) e alla Lamborghini #63.

Fuori all'Eau Rouge la Porsche #3 di Schnabl Engineering (Dennis Olsen/Michael Christensen/Frédéric Makowiecki) e KO per un guasto alla sospensione posteriore la Mercedes-AMG #88 griffata AKKA ASP (Raffaele Marciello/Daniel Juncadella/Jules Gounon). Noie allo sterzo hanno invece sgambettato la Porsche #22 della GPX Martini Racing.

La Top10 generale viene completata quindi dalla Mercedes #89 di AKKA ASP (Lucas Auer/Timur Boguslavskiy/Felipe Fraga) e dall'Audi #37 del Team WRT (Nico Müller/Robin Frijns/Dennis Lind).

Leggi anche:

In Classe Silver Cup davanti c'è sempre la Mercedes-AMG #90 di MadPanda Motorsport (Ezequiel Perez Companc/Ricardo Sanchez/Patrick Kujala/Rik Breukers), nonostante una escursione fuori pista.

Seconda ora c'è la Aston Martin #159 di Garage 59 (Tuomas Tujula/Alex MacDowall/Valentin Hasse Clot/Nicolai Kjaergaard), con dietro le Audi #99 di Attempto Racing (Fabien Lavergne/Max Hofer/Alex Aka) e #31 del Team WRT (Ryuichiro Tomita/Frank Bird/Valdemar Eriksen), autrice di un grande recupero dal fondo della griglia.

Hanno invece perso terreno la Lamborghini #14 di Alex Fontana/Ricardo Feller/Rolf Ineichen (Emil Frey Racing) e la Bentley Continental #107 di Stuart White/Pierre-Alexandre Jean/Nelson Panciatici/Ulysse De Pauw, fuori la Mercedes #57 di Winward Racing affidata a Philip Ellis/Mikael Grenier/Russell Ward.

La Ferrari #33 della Rinaldi Racing (Benjamin Hites/Fabrizio Crestani/David Perel) è ancora in Top5 di categoria, seppur sia stata protagonista di un testacoda con Hites al volante causando un Full Course Yellow notturno.

In Classe PRO-AM è la Lamborghini #77 della Barwell Motorsport (Miguel Ramos/Leo Machitski/Henrique Chaves/Sandy Mitchell) è finita dietro alle tre Ferrari che la insidiavano. La 488 #52 di Louis Machiels/John Wartique/Andrea Bertolini/Alessio Rovera (AF Corse) è davanti alla 'gemella' #53 di Duncan Cameron/Rino Mastronardi/Matt Griffin/Miguel Molina e alla #93 di Sky Tempesta Racing (Jonathan Hui/Chris Froggatt/Matteo Cressoni/Eddie Cheever).

Fuori causa la Aston Martin Vantage #188 della Garage 59 (Alexander West/Chris Goodwin/Charlie Eastwood/Marvin Kirchhöfer).

Infine in Classe AM è sempre vivo il duello tra la Porsche #166 della Haegely by T2 Racing (Pieder Decurtins/Dennis Busch/Manuel Lauck/Marc Basseng) e quella #23 di Hubert Motorsport (Jacob Schell/Ivan Jacoma/Niki Leutwiler/Nico Menzel), divise da 40".

condividi
commenti
Spa, 6a Ora: gran duello Ferrari-Lamborghini per la vetta

Articolo precedente

Spa, 6a Ora: gran duello Ferrari-Lamborghini per la vetta

Articolo successivo

Spa, 18a Ora: doppia leadership Ferrari, Lamborghini-FFF recupera

Spa, 18a Ora: doppia leadership Ferrari, Lamborghini-FFF recupera
Carica i commenti