24h Spa: gioie per Mortara e Marciello; Kessel Racing domina in AM

I due italo-elvetici protagonisti nella corsa di un giorno intero belga. Nico Müller chiude sesto, Fässler 11esimo; che “rimontona” per Ineichen! La scuderia di Grancia perfetta nella categoria Amatori.

24h Spa: gioie per Mortara e Marciello; Kessel Racing domina in AM
#14 Emil Frey Racing Jaguar: Lorenz Frey, Stéphane Ortelli, Albert Costa
#1 Belgian Audi Club Team WRT Audi R8 LMS: Antonio Garcia, Nico Müller, René Rast
#14 Emil Frey Racing Emil Frey Jaguar G3: Lorenz Frey, Stéphane Ortelli, Albert Costa
#89 Akka ASP Mercedes-AMG GT3: Daniele Perfetti, Alex Fontana, Ludovic Badey, Nico Bastian
#89 Akka ASP Mercedes-AMG GT3: Daniele Perfetti, Alex Fontana, Ludovic Badey, Nico Bastian
#5 Audi Sport Team WRT Audi R8: Marcel Fässler, Dries Vanthoor, Will Stevens
#14 Emil Frey Racing Emil Frey Jaguar G3: Lorenz Frey, St?phane Ortelli, Albert Costa
#89 Akka ASP Mercedes-AMG GT3: Daniele Perfetti, Alex Fontana, Ludovic Badey, Nico Bastian
#5 Audi Sport Team WRT Audi R8: Marcel Fässler, Dries Vanthoor, Will Stevens
#90 Akka ASP Mercedes-AMG GT3: Michael Meadows, Raffaele Marciello, Edoardo Mortara
Night action
Fire works on track
#888 Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Jacques Duyver, Marco Zanuttini, David Perel, Niki Cadei
#1 Audi Sport Team WRT Audi R8 LMS: Antonio Garcia, Nico Müller, René Rast
#888 Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Jacques Duyver, Marco Zanuttini, David Perel, Niki Cadei
Podio AM-Cup: vincitori della gara #888 Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Jacques Duyver, Marco Zanuttini, David Perel, Niki Cadei, al secondo posto #488 Rinaldi Racing Ferrari 488 GT3: Rino Mastronardi, Patrick Van Glabeke, Pierre Ehret, Gabriele Lancieri
Podio: vincitori della gara #25 Audi Sport Team Sainteloc Racing Audi R8 LMS: Markus Winkelhock, Chr
Podio: al terzo posto #90 Akka ASP Mercedes-AMG GT3: Michael Meadows, Raffaele Marciello, Edoardo Mo

La 69esima edizione della mitica 24 Ore di Spa-Francorchamps è stata decisa da scelte azzeccate e ponderate, miste alla complicità degli interventi della Safety-Car. Con i numerosi equipaggi iscritti alla corsa belga, era difficilmente prevedibile che non andasse altrimenti.

Tra i piloti svizzeri, o comunque in un modo o nell’altro vicini alla Confederazione Elvetica, soltanto il ginevrino Edoardo Mortara e il ticinese d’adozione Raffaele Marciello hanno rispettato le attese della vigilia, riuscendo a guadagnarsi un posto fra i migliori tre. 

1. AM-Cup: #888 Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Jacques Duyver, Marco Zanuttini, David Perel, Niki Cadei
1. AM-Cup: #888 Kessel Racing Ferrari 488 GT3: Jacques Duyver, Marco Zanuttini, David Perel, Niki Cadei

Foto Mario Bartkowiak

Entrambi in pista sotto il Tricolore bianco, rosso e verde, il duo italo-svizzero, affiancato dal britannico Michael Meadows, ha portato la Mercedes AMG-GT3 (AKKA ASP) numero 90 sul gradino più basso del podio dopo aver trascorso gran parte della corsa in testa.

Mortara, Marciello e Meadows si sono battuti fino all’ultimo per riuscire ad imporsi sul circuito vallone, tagliando il traguardo con un ritardo di 52’’8 rispetto all’Audi vincitrice. Con il podio ottenuto nelle Ardenne aumentano a due gli ingressi nella Top 3 conquistati dall’ambizioso equipaggio del team francese nella Blancpain GT Series Endurance Cup 2017. Per Raffaele, che aveva avuto finora un’estrazione formulistica, si è trattato dal debutto assoluto in una corsa di un giorno intero. 

“È andato tutto bene, fortunatamente”, ha esclamato invece “Edo”. “A causa della nostra strategia non abbiamo potuto conservare la prima posizione, ma il podio è ugualmente un risultato soddisfacente. C’erano diverse scuderie ben attrezzate e competitive. Non era scontato finire tra i primi tre...”.

L’Audi numero 1 nelle mani di Nico Müller, René Rast e Antonio Garcia ha chiuso in sesta posizione assoluta con 57 secondi di ritardo nei confronti della Mercedes numero 90. Anche l’equipaggio integrato dal driver bernese è stato in grado di inserirsi nella corsa alla vittoria per lunghi tratti.

“Avremmo potuto ottenere anche qualcosa in più, ma due penalità e un ultimo rifornimento andato troppo per le lunghe non ci hanno consentito di puntare al podio sino alla fine”, ha ammesso Müller, il quale approcciava la maratona francofona forte dei due podi consecutivi in Belgio con lo stesso team: terzo nel 2016 e secondo nel 2015. 

Sfortunata la corsa del trio della R8 LMS by WRT numero 5, affidata all’elvetico Marcel Fässler, André Lotterer e Dries Vanthoor. Costretti a perdere quattro giri il sabato sera, i tre piloti hanno tagliato il traguardo in 11esima posizione, con cinque giri di ritardo nei confronti della vettura vincitrice.

Da applausi la rimonta di Rolf Ineichen. Costretto a recuperare dalla 56esima posizione a causa di un problema alla vettura, il pilota elvetico, insieme ai due compagni di squadra, ha portato una delle Lamborghini Huracán del GRT Grasser Racing Team fino alla 18esima piazza finale.

 

Da dimenticare prima possibile il verdetto che la 24 Ore di Spa ha riservato all’Emil Frey Racing. Entrambe le Jaguar G3 della scuderia di Safenwil sono state costrette ad issare bandiera bianca già il sabato sera a causa di vari problemi tecnici.

La vettura numero 14, pilotata da Lorenz Frey, Stéphane Ortelli e Albert Costa, si è dimostrata molto competitiva fino a quando è stata in gara e in azione, come dimostrato agevolmente dall’ottava posizione ottenuta nelle qualifiche.

Il Belgio non ha però sorriso nemmeno al secondo equipaggio rossocrociato dell’AKKA ASP. Tormentata dalla sfortuna, la coppia Alex Fontana-Daniele Perfetti, affiancata da Ludovic Badey, si è ritirata dopo più di nove ore di corsa. La Mercedes AMG GT3 numero 89 è soltanto una delle 28 vetture costrette al ritiro nel quarto appuntamento Endurance dei campionati Blancpain. 

Ci ha pensato la Kessel Racing a portare la Svizzera sul gradino più alto del podio. La scuderia di Grancia ha piazzato la Ferrari 488 in prima posizione nella categoria AM. I quattro piloti amatori Marco Zanuttini, Jacques Duyver, David Perel e Niki Cadei sono stati autori di una corsa semplicemente perfetta.

Il quartetto dell’équipe ticinese ha comandato dall’inizio alla fine la corsa di un giorno intero nelle Ardenne, riuscendo a bissare il successo in Classe AM dello scorso anno. La Ferrari della Svizzera italiana ha trionfato con un vantaggio di ben quattro giri sulla vettura gemella schierata dal team Rinaldi Racing.

Christopher Zanella, scattato in seconda piazza in AM, ha chiuso in quinta posizione sulla Lamborghini della HB Motorsport, seguito da Giorgio Maggi al volante di un’analoga Huracán della Attempto Racing.

 

 

 

 

 

 

 

 

condividi
commenti
Doppietta Ferrari in AM alla 24 Ore di Spa-Francorchamps

Articolo precedente

Doppietta Ferrari in AM alla 24 Ore di Spa-Francorchamps

Articolo successivo

La colonna di Nico Müller: più punti e meno errori, la ricetta per crescere

La colonna di Nico Müller: più punti e meno errori, la ricetta per crescere
Carica i commenti