GT World Challenge Europe Endurance

Una gara complicata, ma con spunti positivi, per Frommenwiller e la Honda NSX

condividi
commenti
Una gara complicata, ma con spunti positivi, per Frommenwiller e la Honda NSX
Di:
, Motorsport.com Switzerland
Tradotto da: Simone Chimento, Motorsport.com Switzerland

Dopo due soddisfacenti week-end a Monza e Silverstone, il turgoviese ha avuto un weekend più complicato a Le Castellet con il suo Jenson Team Rocket RJN Honda Acura NSX GT3, ma ha preso una svolta positiva per la 24 Ore di Spa.

Dopo un buon inizio di stagione con un 13° posto assoluto a Monza (5° posto nella Silver Cup) e un 16° posto a Silverstone (6° posto nella Silver Cup), Philipp Frommenwiler si è diretto a Le Castellet nel sud della Francia, per il terzo round del Blancpain GT Series. "La pista è veloce e scorrevole, dovrebbe andare bene per la nostra Honda", ha detto durante l'avvicinamento alla gara.

Tuttavia, il fine settimana è stato più complicato del previsto con il 42° posto nelle prove libere e il 36° posto nella prequalifica di venerdì. "I primi due fine settimana sono andati molto bene per noi, ma questa volta abbiamo avuto qualche problema", dice il nativo della Turgovia. "Per dirla in questo modo: a causa dell'aggiustamento del bilanciamento delle prestazioni, non siamo stati certamente favoriti. Al contrario: abbiamo dovuto zavorrarci e quindi perdere circa 5 km/h di velocità massima. Questo ha un effetto naturale, specialmente sul lungo rettilineo. E non puoi guidare con ancora meno alettoni per guadagnare velocità, altrimenti il posteriore diventa troppo instabile".

Il risultato della qualifica è stato altrettanto modesto - dopo i tre gruppi, lui e i suoi due compagni d'armi Matt McMurry e Ryan Ratcliffe, che hanno sostituito Struan Moore nel weekend di Castellet, si sono classificati con il 26° tempo totale. "Siamo troppo lenti", spiega. "Sarà una gara molto difficile."

"Tuttavia, non importa dove ci troviamo in griglia", ha dichiarato il pilota svizzero. "La gara dura sei ore - alla partenza si tratta di sopravvivere e rimanere in corsa. Quello che conta sono le ultime due ore della notte, e dove saremo in quel momento, e nessuno può dirlo adesso".

 

Infatti, non è stata programmata alcuna sessione di test in notturna a Le Castellet e i team e i piloti non hanno avuto la possibilità di abituarsi a queste particolari condizioni. E poiché la partenza della gara era fissata alle 18:00, le ultime due ore - che sono cadute proprio durante la staffetta del pilota svizzero - si sono svolte di notte.

Tuttavia, la partenza della gara non è stata ottimale per la squadra. Nella neutralizzazione a causa di un incidente al primo giro, McMurry, il pilota partente, ha perso un giro a causa di una penalità per una macchina danneggiata davanti a lui che non gli è stato permesso di sorpassare.

I seguenti stint sono andati in gran parte come previsto, e quando Philipp Frommenwiler ha preso il volante della NSX per l'ultima staffetta di notte, poco più di due ore prima della fine della gara, il team era in 24a posizione (9a nella Silver Cup). Il pilota svizzero è riuscito a convincere con tempi sempre più veloci e a ridurre gradualmente il gap con Stuart Hall davanti a lui sulla Porsche 911 GT3 R, ma siccome era prevedibile che il pilota GPX sarebbe stato fuori portata in una gara normale, Frommenwiler non si è assunto tutti i rischi per prenderlo.

Alla fine delle sei ore - circa 1000 chilometri - Frommenwiler ha portato la NSX al 22° posto assoluto (P9 nella Silver Cup) ed è rimasto molto soddisfatto: "Non posso dire nulla di negativo. La macchina era in una buona posizione, ma a causa del BOP non eravamo all'altezza dei nostri diretti concorrenti. 

Tuttavia, il team è stato in grado di fare grandi progressi nello sviluppo durante il fine settimana nel sud della Francia, e i tempi sul giro notturno fanno ben sperare per la 24 ore di Spa Francorchamps nel mese di luglio.

"È importante non dimenticare che si tratta di un progetto relativamente nuovo", ha detto dopo la gara. 

#22 Jenson Team Rocket RJN Honda Acura NSX GT3 2019: Matt McMurry, Philipp Frommenwiler, Struan Moore

#22 Jenson Team Rocket RJN Honda Acura NSX GT3 2019: Matt McMurry, Philipp Frommenwiler, Struan Moore

Photo de: Paul Foster

Dopo che il team RJN Motorsport ha gareggiato nella Blancpain GT Series dal 2011 e ha vinto titoli piloti e a squadre nelle categorie GT3 e GT4, ha avviato una nuova partnership con Honda e il team Rocket Motorsport, fondato dal compianto John Button, padre dell'ex pilota di F1 Jenson Button. All'inizio della stagione è nato il Jenson Team Rocket RJN. "Sapevamo fin dall'inizio che ci sarebbero stati alti e bassi. Tuttavia, non è facile colmare il divario durante la stagione. "Non ne abbiamo l'opportunità."

#22 Jenson Team Rocket RJN Honda NSX GT3: Matt McMurry, Philipp Frommenwiler, Ryan Ratcliffe

#22 Jenson Team Rocket RJN Honda NSX GT3: Matt McMurry, Philipp Frommenwiler, Ryan Ratcliffe

Photo de: SRO

 
La Bentley del team M-Sport domina la 1000 Km del Paul Ricard

Articolo precedente

La Bentley del team M-Sport domina la 1000 Km del Paul Ricard

Articolo successivo

José Maria Lopez farà il suo debutto alla 24 Ore di Spa con Audi

José Maria Lopez farà il suo debutto alla 24 Ore di Spa con Audi
Carica i commenti