GT World Challenge Europe Endurance

24 Ore di Spa, 1° Ora: subito Pier Guidi su Ferrari davanti

condividi
commenti
24 Ore di Spa, 1° Ora: subito Pier Guidi su Ferrari davanti
Di:
, Direttore Responsabile Motorsport.com Switzerland

La gialla 488 della AF Corse si è posizionata davanti alla Audi R8 LMS by WRT di René Rast, che aveva ottenuto la pole position a tavolino dopo le penalità inflitte a sei Mercedes AMG-GT3.

#50 AF Corse, Ferrari 488 GT3: Pasin Lathouras, Michele Rugolo, Alessandro Pier Guidi
#50 AF Corse, Ferrari 488 GT3: Pasin Lathouras, Michele Rugolo, Alessandro Pier Guidi
#28 Belgian Audi Club Team WRT, Audi R8 LMS: Nico Müller, René Rast, Laurens Vanthoor
#28 Belgian Audi Club Team WRT, Audi R8 LMS: Nico Müller, René Rast, Laurens Vanthoor
#2 Belgian Audi Club Team WRT, Audi R8 LMS: Stuart Leonard, Michael Meadows, Robin Frijns

Partenza regolarissima con cielo nuvoloso, ma nessuna goccia di pioggia, per l’edizione 2016 della 24 Ore di Spa-Francorchamps.

Al comando della maratona belga, dopo sessanta minuti si è immediatamente installata la Ferrari 488 by AF Corse di Alessandro Pier Guidi, scivolato al comando dinanzi all’Audi R8 LMS by WRT di René Rast, che aveva ottenuto la pole position a tavolino dopo le penalità multiple inflitte a ben sei Mercedes per un problema al timer dell’iniezione, alla macchina gemella di Robin Frijns e alla sorprendente Bentley Continentale GT3 ufficiale di Maxime Soulet, ben più fortunata dell'identico bolide made-in-Britain di Steven Kane, costretto a un rientro anticipato ai box.

Queste ultime erano state retrocesse sulla griglia di partenza per effetto della perdita dei tempi della Super Pole, decretata dalla giuria della maratona vallone: la 86 13esima, la 56 14esima, la 88 15esima, la 84 17esima, la 85 18esima e la 00 19esima. 

In gara, le vetture tedesche hanno però approfittato della "finestra”, ampliata volontariamente ad otto minuti dalla Direzione Gara, per scontare l’altra sanzione, uno stop-and-go di cinque minuti, inflitto loro dai Commissari Sportivi per la medesima irregolarità, approfittando della neutralizzazione conseguente all’uscita di strada nella sabbia del secondo settore di di Marco Seefried sulla Ferrari 488 GT3 della Rinaldi Racing.

In verità, nelle prime fasi attorno alla mezzora, era stata la Lamborghini del GRT Grasser Racing Team di Mirko Bortolotti a condurre le danze, con il pilota trentino che integrava un duo italiano al vertice insieme con Alessandro Pierguidi e la sua Ferrari 488 GT3 by AF Corse.

Blancpain Endurance Series - 24 Ore di Spa - 1. Ora

 

Rigettato perché “fuori tempo” l’appello Mercedes

Articolo precedente

Rigettato perché “fuori tempo” l’appello Mercedes

Articolo successivo

24 Ore di Spa, 4° Ora: che botto fra Estre e Motoaki!

24 Ore di Spa, 4° Ora: che botto fra Estre e Motoaki!
Carica i commenti